mercoledì 24 aprile 2013

Alberto Aspesi 2011




























































































































































18 commenti:

  1. il look che preferisco è quello semplice con camicia bianca e pantalone nero e come te dovrei fare un lavoro che trovo più maschile che femminile ma a dire la verità non mi ci sento troppo....diciamo che intervallo momenti di femminilità nel vestirmi ad altri più maschili, ma ammetto che più cresco più prediligo i secondi ;)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Risponderò a tutti più tardi, ma a te devo rispondere subito. Una volta in un commento ti ho scritto "siamo colleghe!". Non so se lì per lì l'hai preso ... non sai per quanto tempo ho lavorato in tuta e con le antinfortunistiche, per questo forse amo tanto i vestiti e i tacchi! E per me risucire a indossare una salopette senza sembrare un operaio è una vera conquista!

      Elimina
  2. Hai ragione.... é talmente attuale questa collezione, proprio perché pulita, minimal, senza fronzoli e la maggior parte dei capi sono evergreen e non possono pertanto risultare datati.
    Amo l'originalita dei tuoi post, ma credo d'averlo già detto più volte!
    Baci, Paola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene evergreen! Grazie Paola.

      Elimina
  3. Sono d'accordo su tutto: la qualità e le linee Aspesi sono intramontabili... esattamente come l'eterea bellezza di queste ragazze. C'è molto da riflettere su questo punto...
    Non so, da una parte, penso sia un po' il solito discorso della ricerca del "bello" assoluto, che oggi è confuso con il "bello" omologato: per essere bella devi avere quei capelli, quell'espressione, quell'abito.
    Diversamente, penso che per le case di moda durante le sfilate sia più un voler dare risalto agli abiti: pensa solo al fatto che le modelle vengono pettinate e truccate tutte in maniera simile. Certo, acconciatura e trucco fanno parte dell'abito in passerella, ma sicuramente contribuiscono a quel senso di omologazione delle modelle tra loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Durante una sfilata lo capisco e forse anche su un lookbook come questo. Ma nelle pubblicità io ricordo distintamente che una volta venivano proposte immagini di donne molto più forti, uniche, personali. Ad esempio Antonia dell'Atte (non so se ricordo esattamente il nome) che posava spesso per Armani sarebbe improponibile oggi. La stessa Inès de la Fressange non era una bellezza bambola.

      Elimina
  4. Da totale ignorante, avrei scambiato questa collezione per una del momento.. ehm..
    Mi piacciono molto i primi due vestitini, il completo coi pantaloni a righe e il vestito con la giacca militare.
    Buona serata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh in effetti in due anni non puo' essere cambiato tanto nel gusto, anche per questo ho pubblicato queste immagini.

      Elimina
  5. Ma che bella collezione! E' moooolto il mio genere, soprattutto pantaloni neri e camicia bianca. Sandali bellissimi, li ha simili hermes adesso in collezione (inavvicinabile ovviamente).
    Tutti omologati i modelli, se pensi che ormai fanno sfilare anche i maschi magri magri con quei fisici eterei......ed il bello e' che se non dicono il sesso non te ne accorgi nemmeno! Mah.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che i sandali di Hermes li ho intravisti nella vetrina... Quanto ai modelli estetici capisco le esigenze di sfilata ma i miei ideali sono molto diversi e credo che un po' più di personalità in passerella e nelle pubblicità farebbe bene alla moda. Io ricordo modelle non belle (una su tutte Pat Cleveland) che avevano una classe incredibile rispetto a tante ragazzine di oggi.

      Elimina
  6. attualissimi e bellissimi nella loro semplicità. ti ho scoperto ora e ti aspetto da me col mio ultimo post! e se ti va, seguiamoci
    a presto, Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passo da te appena posso molto molto volentieri!

      Elimina
  7. Premetto che i capi sono tutti bellissimi e li vorrei nel mio armadio. Per quel che riguarda il discorso sulle modelle devo ammettere che questa immagine quasi asessuata a me piace molto. Sarà che rispecchia il mio modo di vestire, ma trovo molto più femminile una ragazza come la modella di Aspesi, acqua e sapone e senza nessun orpello che molte altre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me "l'acqua e sapone" piace. Devo dire che nella mia follia mi piace anche l'esatto opposto, ossia un eccesso molto disegnato, ma è più difficile. Io volevo riflettere, anche se marginalmente, sull'ideale di bellezza odierno che è molto impersonale. A me piacciono anche donne dai lineamenti forti. Faccio due esempi: Audrey Hepburn da un lato, ma anche Angelica Huston.

      Elimina
  8. Molto bello questo lookbook. I miei preferiti sono il miniabito bianco a righe azzurre e il look pantaloni neri e camicia bianca.
    Sulle modelle non so; è vero che c'è una netta differenza tra ieri e oggi. A me la ragazzina del lookbook piace ma anche quella anni 80; come te non ho preclusioni, mi piace tanto Audrey Hepburn quanto Angelica Houston.
    Oggi c'è sicuramente un'ossessione per l'eterna giovinezza. Però qualche modella particolare si vede in giro, ad esempio Raquel Zimmermann o Freja Beha o Mariacarla Boscono per dirne qualcuna.
    Alle ossessioni attuali aggiungerei anche quella per la magrezza estrema.
    Indubbiamente un corpo filiforme non solo crea meno problemi ma esalta al massimo gli abiti e forse questo vale anche per un viso baby.
    Nel caso della moda penso che siano semplicemente questi i motivi; per il resto potrebbe essere che una bambolina delicata è più rassicurante e meno inquietante di una donna meno giovane, con lineamenti meno regolari e piglio battagliero.

    Alessia
    ElectroMode

    RispondiElimina
  9. Totally my style. The second dress with the stripes is just breath - taking!!
    Best Regards
    Miss Margaret Cruzemark
    http://margaretcruzemark.blogspot.com/

    RispondiElimina
  10. Venerdì facevo il discorso modelle con una mia amica, commentando il lookbook di un negozio del centro. Nel catalogo in questione c'era una precisa volontà (niente trucco, posa sgraziata, sguardo perso) di imbruttire una ragazza che forse sarebbe anche stata decisamente più carina. La cosa assurda che anche i vestiti, ne perdevano. Lo stesso che piaceva alla mia amica e che si è provata perchè innamorata vedendolo in negozio, risultava banale e più dozzinale nel catalogo.

    Forse qualcuno ci direbbe, come nel caso delle foto da te proposte, che l'attenzione deve andare sui vestiti e non su la modella. Però in realtà spesso i vestiti ci piacciono proprio perchè indossati con personalità. Del resto quando andiamo in un negozio (o almeno mi succedeva quando ero più piccola) mia madre mi diceva sempre, 'prima provalo' che magari indossato fa un effetto diverso:)

    RispondiElimina
  11. wow, beautiful dress and very inspiring blog!

    Would be lovely if you visit my on my blog too..
    xx
    Alex

    RispondiElimina